Il rene e l’insufficienza renale cronica

i reni

 

I reni sono 2 organi a forma di fagiolo, localizzati nella regione lombare responsabili della depurazione dell’organismo, attraverso il continuo filtraggio del sangue e l’eliminazione mediante l’urina delle sostanze tossiche. In sintesi regolano il contenuto di acqua e sali nell’organismo, rimuovono dal sangue prodotti di scarto derivanti dall’attività delle cellule dell’organismo e dalla digestione degli alimenti.

L ‘unità funzionale del rene è il nefrone, la più piccola struttura in grado di svolgere tutte le funzioni dell’organo. I reni possiedono tipicamente da un milione a un milione e mezzo di nefroni ciascuno.

Ogni singolo nefrone è suddiviso in sezioni:

  • Il corpuscolo renale: formato dal Glomerulo renale che funziona da filtro nei confronti del sangue che lo attraversa, può essere paragonato ad un setaccio capace di trattenere le cellule e le proteine; e dalla capsula di Bowman che indirizza l’urina primaria (Ultrafiltrato Glomerurale) che si forma ai tratti successivi del Nefrone;

  • Gli Elementi Tubulari : il tubulo prossimale, l’Ansa di Henle (discendete e ascendente),il tubulo distale. Passando all’interno di essi l’ultrafiltrato Glomerurale (urina primaria) viene privato di sostanze utili per l’organismo ( che saranno trattenute e quindi non eliminate con le urine), e arricchito di quelle presenti in eccesso o considerate pericolose (eliminate quindi nelle urine) viene modificato e trasformato nell’urina definitiva. L’urina cosi formata passa poi attraverso il dotto collettore e poi le Piramidi renali, si riversa nel canale collettore papillare e nei calici minori fino ad arrivare alle pelvi renali. Da qui passa agli ureteri, accumulandosi nella vescica urinaria prima di venire escreta attraverso l’uretra.

rene

Se i reni non funzionano bene si inizia a soffrire di anemia, infatti il rene produce un ormone noto come Eritropoietina che stimola la produzione dei globuli rossi, per cui, quando la funzione è già sensibilmente compromessa, è necessaria la somministrazione ad intervalli regolari di questo ormone sotto forma farmacologica. Inoltre l’insufficienza renale provoca una grave alterazione nella sintesi e nel’azione della vitamina D una delle più vitali per il nostro organismo. Per cui si possono avere patologie a carico delle ossa dei nervi e della pelle.

Tra gli i problemi connessi con maggior frequenza all’insufficienza renale ricordiamo:

  • Stanchezza profonda,

  • Patologie cardiache e vascolari

  • Pressione arteriosa alta

  • Disturbi gastrointestinali: nausea, vomito, stitichezza

  • Patologie ossee peggiori dell’osteoporosi

  • Problemi articolari,

  • Prurito,

  • Sindrome delle “gambe senza riposo” , che tengono i pazienti svegli la notte a cause di una infrenabile irrequietezza motoria degli arti inferiori.

  • Patologie alla pelle: prurito, secchezza, eritemi di vario genere

Il principali parametri in grado di valutare la funzionalità renale sono la quantità di urina giornaliera (diuresi) e la cosiddetta clearance della creatinina; questa misura la capacità del rene di ripulire il sangue dalla creatinina, una proteina che deriva dai nostri muscoli. Misurando la quantità giornaliera di creatinina nel sangue e nelle urine è possibile calcolare la velocità di filtrazione glomerulare (VFG) ovvero l’efficienza con qui i nostri reni puliscono il nostro organismo. In base alla velocità della filtrazione glomerulare la funzione renale viene classificata in 5 stadi:

  1. Danno renale con VFG normale o leggermente aumentato

  2. Lieve riduzione del VFG

  3. Moderata riduzione del VFG

  4. Severa riduzione del VFG

  5. Insufficienza renale terminale con VFG minimo (funzione renale sotto il 10% circa) fino alla necessità della terapia dialitica sostitutiva o del trapianto.

I pazienti giungono all’osservazione dell’ambulatorio di Nefrologia quando hanno valori di creatinina e azotemia oltre la norma anche di poco , per agire tempestivamente, occorre effettuare una corretta diagnosi per rallentare, con la terapia medica e dietetica l’evoluzione della malattia renale. All’ultimo dell’insufficienza renale cronica il paziente viene seguito nell’ambulatorio chiamato di “ pre-dialisi dove insieme al paziente ed alla famiglia si sceglie la terapia sostitutiva migliore per le esigenze cliniche del malato.

Infermiera Mocco Cristina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...